News / Comunicazioni

13mag

Risonanza Magnetica ad alto campo VS Risonanza Magnetica “aperta”

Risonanza Magnetica ad alto campo VS Risonanza Magnetica “aperta”

Non sempre la scelta di eseguire una Risonanza Magnetica “aperta” è la migliore.

La Risonanza Magnetica utilizza un campo magnetico e onde elettromagnetiche a radiofrequenza per produrre immagini diagnostiche del corpo umano.

La potenza del magnete, espressa in Tesla, è l’elemento che maggiormente influenza la qualità di una Risonanza Magnetica e di conseguenza la sua resa diagnostica.

La Risonanza Magnetica aperta è costituita da un magnete a basso campo e poco potente che produce delle immagini di qualità modesta.
L’impiego della Risonanza aperta è limitato allo studio di alcune articolazioni e la maggior parte degli autori concorda sulla superiorità degli apparecchi ad alto campo sull’individuazione e caratterizzazione delle lesioni più fini.

Spesso i pazienti si preoccupano soltanto di informarsi se la Risonanza è “aperta” o “chiusa” non prendendo minimamente in considerazione l’aspetto qualitativo del macchinario e la sua resa diagnostica.
Partendo dal presupposto che nessuna Risonanza Magnetica ad alto campo è “aperta” bisogna mettere sul piatto della bilancia la possibilità di ottenere immagini realmente diagnostiche con il proprio confort.

Non esistono invece studi di confronto per quanto riguarda altri distretti corporei, quali lo studio dell’encefalo, del testa-collo, del mediastino, dell’addome e della pelvi per la schiacciante superiorità della Risonanza Magnetica ad alto campo.
La Risonanza Magnetica Aperta a basso campo non può inoltre effettuare studi vascolari e lo studio del cuore.

Gli apparecchi ad alto campo di ultima generazione sono anche dotati di sistemi di sistemi audio-visivi e di aerazione che rendono più confortevole l’esperienza.

Lo Studio Rx Gentile ha scelto di investire su uno dei migliori apparecchi in circolazione nel territorio della provincia di Palermo installando una Risonanza Magnetica MAGNETOM SEMPRA Siemens da 1,5 Tesla.

Ulteriori informazioni sul macchinario possono essere trovate qui.


News » Comunicazioni 13/05/2020

Comunicazioni